venerdì 25 marzo 2011

Cjalsons



Buongiorno care cuochine!!!
Oggi vi presento un piatto della tradizione culinaria della mia regione, nello specifico della Carnia.
Sono dei tortelli farciti con marmellata, biscotti secchi, cioccolato ed uvetta e conditi poi con burro fuso e ricotta affumicata. Esiste anche la variante alle erbe ma i più buoni, secondo me, sono quelli dolci.
Per cucinare i tortelli ho utilizzato una bellissima cuocipasta con 2 cestelli della Steel Pan s.r.l .
Cosa ne dite??? Sono buoni???

per la pasta
200 gr farina 00
1 bicchiere di acqua tiepida
1 cucchiaio di burro
1 uovo per spennellare

per il ripieno
100 gr biscotti secchi
50 gr uvetta sultanina
2 fichi secchi
100 gr burro
30 gr marmellata di albicocche rigoni d'asiago
30 gr cioccolato fondente
30 gr cacao amaro ar.pa lieviti
30 gr canditi
1 dl rhum
la scorza di 1 limone grattugiato
la scorza di 1 arancia grattugiata
zucchero prezzemolo
1 pizzico di sale

per il condimento
150 gr ricotta affumicata
150 gr burro
1 cucchiaio zucchero di canna Sugar waves
1 cucchiaio cannella in polvere mondo spezie


Per preparare il ripieno tritate l’uva sultanina ben lavata con i biscotti, i fichi secchi ed i canditi, quindi aggiungete lo zucchero, il cacao amaro, il cioccolato fondente grattugiato, il rhum, la marmellata ed il trito di prezzemolo e cipolla che avrete fatto precedentemente imbiondire nel burro. Incorporatevi ora le scorze grattugiate di limone e arancia, un ciuffetto di prezzemolo finemente tritato ed un pizzico di sale; mescolate il tutto fino ad ottenere un composto consistente di color scuro. Per fare la pasta sciogliete un cucchiaio di burro nell’acqua tiepida salata, versate la farina e lavorate l’impasto per qualche minuto; stendetelo quindi con il mattarello su una spianatoia infarinata, fino a ridurlo ad una sfoglia sottile e ricavatene dei dischi di 8 cm di diametro. Ora disponete al centro di ogni disco un cucchiaio di impasto, piegate in due chiudendo bene i bordi dopo averli spennellati con l’uovo sbattuto. Versate così i cialzòns in acqua bollente salata nella quale avrete aggiunto un cucchiaio d’olio e rimestateli delicatamente con un cucchiaio di legno. Venuti a galla lasciateli cuocere ancora per 2 minuti. Raccoglieteli ora con un mestolo forato, adagiateli in una pirofila e cospargeteli di ricotta grattugiata, zucchero e cannella in polvere; infine versatevi sopra il burro color nocciola e servite caldi.

Con questa ricetta partecipo al meraviglioso contest della Ballarini

21 commenti:

  1. Che buoni che saranno.. sicuramente molto particolari! Adoro i piatti regionali e mi piace molto quando qualcuno li pubblica in modo da farli conoscere.
    Un bacione

    RispondiElimina
  2. che meraviglia, ma vengono serviti come dolce o come primo?

    RispondiElimina
  3. Una vera delizia, golosissimi!!! Baci e buon fine settimana

    RispondiElimina
  4. Buonissimi... sono belle le tradizioni culinarie !!!
    Ciao Francesca un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  5. Non li conoscevo affatto,non si smette mai di imparare,complimenti!

    RispondiElimina
  6. E' davvero paricolare questa ricetta di ravioli dolci. Devono essere molto buoni. Un bacio, buon we

    RispondiElimina
  7. Una vera delizia, complimenti!
    Baci

    RispondiElimina
  8. Squisiti!! e poi sono tipici della nostra bellissima regione! Ma lo sai che con molta vergogna devo ammettere di non averli mai mangiati? E poi pensavo fossero salati. Me li segno perché li voglio davvero provare!! Buon week-end cara!! :)

    RispondiElimina
  9. non conoscevo affatto questa ricetta!Mi intriga molto! Grazie per avermela fatta conoscere!

    RispondiElimina
  10. ma sono spettacolari! brava!

    RispondiElimina
  11. Non ne conoscevo l'esistenza, sicuramente molto particolari!
    Buon w.e.

    RispondiElimina
  12. hai fatto bene Francesca, sono davvero buoni e appartengono alla tradizione più antica della nostra regione! Buon we, un bacione...

    RispondiElimina
  13. wow che belli... non gli avevo mai visti.. quindi neanche mangiati!! e brava lei!! ^_^

    RispondiElimina
  14. Mille grazie , per aver utilizzato una nostra Pentola............per i tuoi prossimi consigli e preparazioni culinarie, non esitare a chiederci altri nostri prodotti.......

    roberto lanfranco
    amministratore unico

    RispondiElimina
  15. Quanto son buoni questi sapori che appartengono alla tradizione... smackk :-D

    RispondiElimina
  16. Che piatto particolare, certo che la cucina Italiana tipica ne nasconde di delizie.
    Grazie per aver condiviso la ricetta.

    RispondiElimina
  17. Non li conoscevo, devo procurarmi alcuni ingredienti... sono assolutamente da provare.
    Ciao Liz

    RispondiElimina
  18. Buoniiiiiiiii! Da provare sicuramente :-)

    RispondiElimina
  19. sono buonisssiimmii li mangio anche io ogni tanto.. bravissima adesso ho anche la ricetta, grzie ^_^
    baci

    RispondiElimina
  20. Adoro i piatti regionali, svelano la ricchezza e la multiforme cultura della nostra italia, non conoscevo i Cjalsons ,ma presto colmerò questa lacuna....Buon inizio settimana Francesca, un bacio!!!

    RispondiElimina
  21. decisamente invitanti mi ricordo si averli mangiati una volta dalle parti di cortina ma nons apevo come si facevano

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails